Ricotta fatta in casa.... ovvero la cagliata perfetta!!!


Ci siamo, sono tornata con la perfezione tra le mani. Abbattuta la febbre con tre sere di MediNait ho rimesso in moto gli esperimenti abbandonati in questa Pasqua di sofferenza. Dunque, partiamo dall'inizio e soprattutto con calma, anche se è una cosa che mi riesce poco e male. Mettetevi comode perchè potreste entrare in uno stato confusionale dettato proprio dalla mia fretta nel descrivervi questo mio successo.
Credo che la ricottina casalinga sia stato uno dei miei primi esperimenti, ero già soddisfatta allora, ma oggi posso dichiarare di aver raggiunto un traguardo, per quanto mi riguarda "perfetto"!!
Parliamo di latte a lunga conservazione, ed ecco il perchè del mio entusiasmo, perchè immagino il gusto la prossima volta che userò latte fresco.
Le mie lunghe ricerche nel web hanno dato i risultati sperati.
Avete presente quella bella ricotta bianca, fresca e gustosa? No, non quella con la marca, intendo proprio quella fresca fresca... bene, se vi dicessi che la potete fare in casa in pochissimo tempo?
La vera vera ricotta, sappiamo che è quella che si ottiene dal siero rimasto dalla preparazione del formaggio che vine ri-cotto e quindi da appunto il nome alla ricotta. Quindi per arrivare a questo, dobbiamo prima fare "la cagliata" che è quella che vedete in queste foto.
Ora, io mi prendo tutte le responsabilità nel dichiarare che questa, è forse ancora più buona e ricca della vera ricotta. Non cercate scuse, ci vuole un attimo a prepararla, pochissimi ingredienti e una gran voglia di assaggiare qualcosa di veramente genuino.
Nella foga di sperimentare, non ho pesato il siero rimasto dal quale poi ho ricavato un piccolissimo assaggio della vera ricotta, ma non è così importante da farvi rimandare l'esperimento.

Vi lascio, come è giusto che sia, anche le fonti dalle quali ho attinto per questo risultato:
Erborina in cucina - Ricotta fatta in casa
Il Pasto Nudo - La cagliata e la ricotta

Ricotta fatta in casa
ovvero la cagliata perfetta

Da un litro di latte ho ottenuto:

la cagliata
  (250 gr circa)


e l'assaggio della vera ricotta 
ottenuta dal siero della cagliata
(40 gr circa)


Ma vediamo come si preparano queste bontà....

Ingredienti:

per la cagliata:
  • 1 litro di latte intero (in questa ricetta ho usato quello a lunga conservazione)
  • 2 cucchiai di aceto di vino (ho usato Ponti, quello bianco trasparente)
  • 100 ml di panna fresca da montare (non zuccherata)
  • 1 pizzico di sale fino
per la ricotta:
  • 150 gr di latte intero

In una pentola mescolate latte, panna e sale, portate sul fuoco a fiamma media. Portate a 80°C mescolando in modo che il latte non si attacchi al fondo e non si formi il velo di panna in superficie.
Se non avete il termometro potete fare così... sempre mescolando, controllate appena iniziano a formarsi delle bollicine lungo il bordo del latte, questo è il momento giusto per abbassate la fiamma e aggiungete l'aceto. 
Mantenete sul fuoco ancora per un minuto mescolando, facendo attenzione che il latte non arrivi a bollire.
Vedrete che inizieranno a formarsi dei piccoli coaguli, i fiocchetti si separano dal siero.
Spegnete, coprite con un panno e fate riposare lasciando intiepidire o addirittura raffreddare.
Versate in una fuscella, proprio quelle delle ricotte comprate, recuperando il siero in un'altra pentola.
Lasciate colare la cagliata conservandola in frigo per qualche ora prima di consumarla. 
Se non avete la fuscella, potete fare lo stesso procedimento versando in un colino a maglie strette rivestito di garza.


A questo punto aggiungete 150 gr di latte al siero ottenuto e mettete su fiamma bassissima lasciando che ricoaguli facendo affiorare i fiocchetti della vostra "vera ricotta" che preleverete con una schiumarola e metterete in un'altra fuscella o colino. 
Con un solo litro di latte, otterrete però pochissima ricotta, come abbiamo visto sopra, appena 40 gr.
E' chiaro quindi, che se volete ottenere maggior prodotto, sia della cagliata che della ricotta, dovete duplicare o triplicare secondo le vostre necessità, le dosi degli ingredienti.


Non so dirvi sinceramente quale sia migliore, 
fatto sta che è sparita tutta in un attimo. 

Vi lascio qualche foto che ne descriva la consistenza, per il sapore non saprei come fare, se non consigliarvi di uscire al più presto a comprare il latte....

 la cagliata perfetta!!!


note: nella mia ricetta ho usato come specificato l'aceto di vino bianco trasparente di Ponti. L'ho specificato perchè nella mia ricotta, il sapore di questo aceto non si sente affatto, cosa che invece qualcuno lamenta con altri tipi d'aceto nei commenti in giro nel web . Nei supermercati trovate l'aceto di vino bianco ma se fate caso, il colore è giallino. Ecco, non so dirvi se con quello otterrete lo stesso risultato, parlo del gusto naturalmente. Potete sostituirlo con aceto di mele o di riso o ancora limone. 
In questi casi il risultato che otterrete potrebbe essere diverso da quello che ho ottennuto io.



Buon Appetito
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...