Qualche ricetta per una raccolta tutta homemade

Una raccolta che mi ha immediatamente conquistata. Ormai è risaputa la mia passione nel riprodurre tra le mura della ma cucina quasi tutto ciò che normalmente troviamo bello e confezionato nei banchi dei supermercati.
Ecco perchè quando Debora ha preso la decisione di lanciare questa raccolta, sono letteralmente balzata in piedi esultando come un ultrà. Aleeeeeeee...ooooooooo aleeeeeeee........oooooooo!!!
Felice di riproporvi parte delle "mie specialità" con le quali ho deciso di partecipare...




Ingredienti: per 2 lt e 1/2 di latte
  • 200 gr di soia gialla
  • acqua
attrezzatura:
  • pentola in acciaio alta e capiente
  • minipimer
  • bottiglie da litro pulitissime
  • imbuto 
  • passino a maglie fittissime o colapasta a buchi molto piccoli
  • telo bianco in tessuto a trama fitta
  • insalatiere o ciotole capienti
La sera prima, mettete in ammollo la soia in 2 litri d'acqua pulitissima. Al mattino scicquare la soia sotto acqua corrente e trasferirla in una pentola alta con poco più di tre litri d'acqua e mettere sul fuoco a far intiepidire. Spegnete la fiamma e frullate tutto direttamente nella pentola, con un frullatore ad immersione fino a ridurla in piccolissime briciole. Rimettete sul fuoco e riaccendete la fiamma portando a bollore.
In questa fase fate molta attenzione, mescolando spesso per non far attaccare il fondo. La soia tende a fare schiuma proprio come il latte vaccino quando bolle, quindi fate attenzione che non fuoriesca dalla pentola, abbassando la fiamma prontamente,
Una volta giunta ad ebollizione, quando avrà raggiunto il bordo della pentola, spegnete.




A questo punto, colate tutto filtrando in una grande ciotola (o due, se non l'avete abbastanza capiente, come ho fatto io) e lasciatela raffreddare.




Versate la poltiglia rimasta (okara) , in un telo bianco pulitissimo e strizzate bene bene, poi trasferite l'okara in una ciotola a parte.


 


Una volta fredda, trasferitela nelle bottiglie filtrando nuovamente, in questo modo:
  • mettete un imbuto nella bottiglia e sopra un colino a maglie fittissime. 
  • versate un mestolo alla volta fino a riempire la bottiglia.


Ponete immediatamente in frigorifero, possibilmente nella parte più alta e consumate entro 4 o 5 giorni.
Il sapore è decisamente più leggero, diverso dal prodotto acquistato al supermercato, proprio perchè non ci sono aggiunte di zuccheri o altri ingredienti per la conservazione.
Con l'okara invece, possiamo ricavare ottime ricette,  il tofu ad esempio, ottimo formaggio, o delle sbriciolose polpette.....


Ed ecco un'altra meravigliosa autoproduzione della quale, sono certa ve ne innamorerete come è successo a me.


Philadelphia home-made

ricettando 3 031

Da oggi non lo compriamo piùùùùù!!!
Allora… fate attenzione a questi piccoli particolari:
  1. il canovaccio che useremo non deve assolutamente essere stato lavato con ammorbidente o detersivi profumati. La sua trama non deve essere troppo spessa, ma deve permettere al siero di gocciolare.
  2. lo yogurt deve essere intero e bianco naturale (non dolce)
  3. deve rimanere appeso dentro o fuori dal frigo a perdere il siero 22/24 ore (non abbiate fretta) senza toccare il fondo della ciotola
Detto questo passo ad illustrarvi il procedimento non allarmatevi per tutti gli ingredienti che vi serviranno, ihihihihi…


ricettando 3 007

Ingredienti: per ottenere 85 gr di philadelphia
  • 250 gr di yogurt bianco naturale intero non dolce (io ho usato Conad)
  • un cucchiaino da caffè raso scarso di sale
vi serviranno inoltre:
  • una ciotola alta dove far colare il siero per 24 ore
  • un pentolino dove mescolare sale e yogurt
  • un canovaccio pulito e non profumato, a trama non troppo spessa
  • uno spago o un laccio
Si fa così:
Rivestite la ciotola alta con il canovaccio, come vedete qui sopra in foto. Versate lo yogurt nel pentolino e unite il sale. Mescolate facendo sciogliere il sale nello yogurt, poi versate tutto nella ciotola alta rivestita precedentemente. Chiudete i lembi e solevate il canovaccio con dentro lo yogurt legandolo come fosse una caciotta. Vedrete che inizierà subito a gocciolare, questo è l’effetto del sale che fa separare il siero dallo yogurt. 

philadelphia home-made


Fate un bel nodo stretto e un anello, in modo che possiate sollevarlo con un gancio (io ne ho usato uno di metallo) e mantenerlo sospeso senza farlo toccare sul fondo. L’ho messo a riposo per le 24 ore, in un angolo del lavandino, ma sarete voi a trovare il posto migliore nella vostra cucina in base allo spazio che avete a disposizione.
Potete anche legare una forchetta o un coltello e appoggiarlo trasversalmente sul bordo della ciotola, ma anche in questo sarete voi a regolarvi per la scelta del metodo di sospensione.


 sopra e sotto i vari passaggi fotografati
philadelphia home-made1


Trascorse le 24 ore prendete il vostro canovaccio e strizzatelo molto delicatamente per fargli rilasciare eventuale siero rimasto. Appoggiatelo su un piattino e tagliate lo spago.
Aprite e….. voilà, il vostro philadelphia è pronto!!

Cremosissimo!!!!  
philadelphia home-made2

Trasferitelo con un cucchiaino in una ciotolina che abbia anche un tappo di chiusura in modo da mantenerlo freschissimo.
La consistenza e il sapore sono identici al philadelphia in commercio.

Provatelo assolutamente!!! 


ricettando 3 032
ricettando 3 033

 Non meno goloso.....

Ingredienti: 
  • 8 cucchiai di latte di soia
  • 2 cucchiai rasi di farina 00 
(mia scelta all'opzione dell'originale che indica in alternativa la farina di riso glutinoso)
  • 1 cucchiaio colmo di amido di mais
  • 1 cucchiaio di panna a base vegetale (nell'originale è specificato "panna di soia")
  • 2 cucchiaini di succo di limone filtrato
  • un pizzico di sale
  • 2 cucchiai colmi di yogurt bianco naturale (nell'originale yogurt di soia naturale)


Preparazione:
Spremete un limone,
filtrate il succo ottenuto con un piccolo colino a maglia strettissima.




In una casseruolina d'acciaio o in  pentolino antiaderente,
sciogliete nel latte freddo la farina e l'amido,
mescolate bene per eliminare eventuali grumi. 
Ora, sempre a freddo, 
aggiungete la panna, un pizzico di sale, e il limone. 
Amalgamate bene tutto facendo sciogliere gli ingredienti.




 Portate sul fuoco a fiamma bassissima
e sempre mescolando velocemente con una frusta 
(non mollate mai il pentolino) 
dovete ottenere una crema densa e ben ferma.






Ci vorranno pochissimi minuti. 
Spegnete e fate intiepidire. 
Unite lo yogurt e mescolate bene con un cucchiaio amalgamando il tutto.




Aggiustate di sale, 
e se necessario aggiungete ancora qualche goccia di limone,
ed ecco il vostro stracchino morbidissimo e cremosissimo.




Mettete in un contenitore con coperchio 
e portate a riposo in frigo a raffreddare.
Basta una mezz'oretta 
per poterlo portare orgogliosamente in tavola. 


NOTA: Questa versione prevede il latte di soia, ma se  provate con il latte vaccino, fatemi sapere il vostro risultato. 

Bene, se siete arrivate fin qui, non potete andarvene senza prima aver provato anche questa specialità 

Mozzarella home made

 ricettando 3 059
Calme, calme e tranquille, non è la mozzarella S.Lucia, ne qualunque altra simile, è la “mia mozzarella home made”,
cioè mia no, la ricetta l’ho presa da qualche parte logico, ma mia perchè fatta con le mie manine. Vi anticipo subito alcune cose, in modo che chi non ha voglia di perdere tempo può scappare a gambe levate dalle prime righe di descrizione.
  • 1 la consistenza è più morbida delle mozzarelle “vere”,
  • 2 il sapore non aspettatevelo ugualissimo, se fossi capace di fare una mozzarella come quelle che troviamo in negozio, aprirei un caseificio e avrei risolto gran parte dei miei problemi,
  • 3 gli ingredienti che ho usato sono quelli di fortuna e cioè quello che passava il convento, tra parentesi vi indicherò quelli originali.
Non ho resistito ad aspettare di fare la spesa, appena l’ho vista ho voluto… lanciarmi. O adesso o mai più!!!! Per l’originale ed altre eventuali modifiche, vi rimando Veganblog, ed esattamente qui dove trovate tantissimi piatti realizzati proprio con questo tipo di mozzarella. Il procedimento è preso passo passo dall’autore dell’originale che però purtroppo non riesco più a ritrovare, non ho salvato l’url, chiedo scusa. Se qualcuno riconoscesse la propria ricetta, gradirei me lo facesse presente per poter indicare il link preciso, grazie.
Io sono sempre alla ricerca di piatti genuini dai sapori un po’ diversi dal solito, ma senza allontanarmi troppo dalla cucina classica che credo resti in assoluto la migliore. La soddisfazione di realizzare questi piatti con le mie mani è la cosa che più mi spinge a continuare in queste ricerche. Mai avrei pensato di arrivare alla mozzarella, ma siccome ci sono arrivata, voglio condividerla con voi, soprattutto con chi è sempre pronta a sperimentare come me.
Bene, siccome vi inonderò di foto per meglio spiegarvi il procedimento, direi che posso smettere di chiacchierare e passare al procedimento di questa meravigliosa “mozzarella home made”. Con gli ingredienti che vi elencherò otterrete una piccola mozzarella, se volete realizzarla più grande o suddividerla in più di una, regolatevi con le dosi raddoppiandole.

ricettando 3 068
 
questo e tutto ciò che è rimasto….. per qualche minuto in più in tavola, avete presente quando resta l’ultimo boccone e nessuno allunga la mano per vergogna? Qualcuno deve pur prendersi questa responsabilità no? Chi ci ha pensato secondo voi???
Ma ora iniziamo… ecco ciò di cui avrete bisogno…
mozzarella home made
Ingredienti:
  • 2 cucchiaini abbondanti di fecola
  • 6 cucchiai di latte intero (nell’originale latte di soia)
  • 1 cucchiaio colmo di panna di soia
  • 1 cucchiaino di margarina (nell’originale burro di soia)
  • 3 cucchiai colmi di yogurt bianco intero (nell’originale yogurt di soia)
  • sale qb
Procedimento:
Passate l’interno di una ciotolina ( io ne ho usata una in ceramica) con carta da cucina leggermente unta d’olio e tenetela da parte. In un pentolino, fate sciogliere molto bene a freddo la fecola nel latte, attenzione a non lasciare grumi,per questi passaggi e finchè non vi indicherò diversamente, usate una frusta a mano, aggiungete la panna, un pizzico di sale e la margarina. Portate sul fuoco a fiamma bassissima e mescolate molto bene facendo sempre attenzione a non formare grumi. Appena inizia a raggiungere una leggera cremosità, togliete dal fuoco e aggiungete lo yogurt. Mescolate bene, rimettete sul fuoco sempre a fiamma bassa.

Ecco i passaggi fotografati
mozzarella home made1
Da questo momento, mescolate sempre con la frusta per 10-15 minuti finchè il composto non inizierà a diventare filamentoso. A quel punto passate a mescolare con un cucchiaio di legno finchè l’impasto inizierà a staccarsi leggermente dal bordo e dal fondo del pentolino e tenderà a compattarsi.
 ecco i passaggi e le consistenze in foto

mozzarella home made2
 
A questo punto, trasferite tutto nella ciotolina precedentemente unta e tenuta da parte, fate raffreddare a temperatura ambiente e successivamente mettete in frigorifero per almeno 6/8 ore. Nelle foto successive potete vedere la consistenza elastica che avrà preso l’impasto..

mozzarella home made3

Trascorso il tempo in frigorifero, tirate fuori la ciotolina, ungetevi leggermente le mani e capovolgendola delicatamente aiutatevi con le dita a staccare la vostra mozzarella dai bordi. Fatela cadere sul palmo della mano e date una forma leggermente tondeggiante. Appoggiatela su di un piattino e ….. pronta!!!

Gustatela con il vostro contorno preferito
o usatela per condire la pizza. 

mozzarella home made4
Buon Appetito
tutte queste ricette partecipano alla
raccolta di Debora 
scade il 3 giugno 2012

40 commenti:

  1. Il tuo philadelphia mi ha conquistata, compro lo yogurt (ho in casa solo quello dolce) e mi metto all'opera!
    raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se parti non ti fermi più :)) fammi sapere. A presto.

      Elimina
  2. Wow salvo tutto il procedimento e lo provo appena possibile...meraviglioso!!baci,imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, famnmi sapere i risultati se ti va :))

      Elimina
  3. bhe ci mancherebbe anche altro ... sei davvero brava a preparare tutte queste cose homemade! tanto di cappello davvero!

    RispondiElimina
  4. E chi poteva partecipare a questo contest se non tu?!?! La mia prossima missione è il philadelphia. Intanto il mio dado granulare sta finendo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi fa molto piacere :) ti conviene fare dosi massicce di dado.

      Elimina
  5. Mi incuriosiscono tantissimo lo stracchino e la mozzarella. Io abito vicino Novara che potrebbe essere una delle patrie dello stracchino e vederlo fatto così mi...sorprende! Idem per la mozzarella. Sono abituata a latte, caglio acqua calda e tanto lavoro di mani...mi incuriosiscono molto queste preparazioni....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non saranno gli stessi risultati di certo, ma regalano tante soddisfazioni :))

      Elimina
  6. :) philadelphia provata...ottima!!! dopo averti conosciuto si è aperto un mondo...anche se mi incasino parecchio con tutte le ricette home made che poi non abbandono più (sarei pazza a farlo. posso solo dirti che sei bravissima e grazie per avermi coinvolto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te Simo, di tutto... baci

      Elimina
  7. Sapevo che questo era il contest per te.. difatti mi stupivo non avessi ancora postato!! ahahahahahaah baci cicci miaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa resistiiiiiiiiiiiiiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahhaa ho superato la prova, ce l'ho fattaaaa!!!
      E' stata dura e sembrava infinita ma è passata!!! Grazie per il tuo sostegno ;) baci

      Elimina
  8. Ma quante cose hai fatto!!! Quelle dello stracchino e della philadelphia le devo provare anch'io.
    Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eccerto che devi provarle ;) fammi sapere.

      Elimina
  9. Ci avrei scommesso che avresti partecipato a questo contest tu sei la più esperta blogger di home made che conosco!
    bacioni e in bocca al lupo
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahha grazie Ali, un bacione a te.

      Elimina
  10. Sei insuperabile!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  11. la raccolta adatta a te, baci e complimenti per la tua capacità di realizzare tutto in casa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nessuna raccolta poteva rendermi così felice ahahahahah grazie Fabi

      Elimina
  12. beh, non c'è raccolta più azzeccata per te..! sei stata a dir poco bravissima!!! la migliore!

    RispondiElimina
  13. ma che amore di amica sei?? anzi di AMICA!! con la A maiuscola! io ti adoro a prescindere da raccolte e homemade! ^_^ ti voglio bene! con tanto tanto tanto slancio smuakkkette

    RispondiElimina
  14. E te credo che hai esultato! Sei la regina degli esperimenti homemade!
    Un bacione Criccoluccia <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma uffaa Gaietta dove sei ancora?????
      Il seitan senza di te non è più lo stesso :(
      baci

      Elimina
  15. cri, che dirti?
    mi hai lasciato senza parole...
    ti sei lanciata di brutto, con risultati eccellenti direi...
    come stai tesoro mio, ci siamo un pò perse, e sento molto la tua mancanza...
    un bacio, un abbraccio, e sai di quanto affetto sono conditi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero Moni, ci siamo un po' perse ma solo poco poco, bisogna rimediare, ci diamo appuntamento una sera al solito posto, anche a me mancano le nostre chiacchierate ;) baci a te e a Viola

      Elimina
  16. Se Debora è la regina del finger food, tu sei la regina dell'home made! Grazie per queste splendide ricette Cri! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. weilàà ma grazieeee ^___^ un abbraccio e un bacione a te.

      Elimina
  17. Concita è stata fonte di ispirazione per molti con i suoi formaggi veg e devo dire che lo stracchino e la mozzarella ti sono riuscite proprio alla perfezione. La philadelphia io la faccio con lo yogurt di soia seguendo lo stesso procedimento, ricetta di mentamarina sempre su veganblog che l'ha nominato Vegrino, ottimo davvero!
    Bellissima questa raccolta e brava tu con queste meravigliose autoproduzioni ^_____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oppelààààà, prendo la palla al balzo per un nuovo esperimento.. il vegrino eh? E vegrino sia... grazie Cami.
      Bacio

      Elimina
  18. la mozzarella e il philadelpia ancora non avevoprovato a fali.. mi sa che proverò il philadelphia davvero 10 e lode bacio simmy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie simmy, fammi sapere ;) bacio

      Elimina
  19. fatto! aggiunte tutte ^_^ grassssie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tutte? Non credo proprio... ne ho un'altra in arrivo ;)
      Baci

      Elimina
  20. noooooo
    SPETTACOLARE!!!!!
    Brava Cri!!!!!!
    proverò tutto di sicuro! la philadelphia.....wow ne vado pazza, la proverò senz'altro!!!!
    Laura

    RispondiElimina
  21. Io adoro fare tutto in casa ma vedo con piacere che non sono la sola...domani faccio il philadelphia, assolutamente devo farlo :)

    RispondiElimina

AVVISO: i commenti anonimi, con link attivi o inattivi DI QUALSIASI GENERE, verranno rimossi.
Non è quindi permesso pubblicizzare blog, raccolte, contest o quant'altro. Se volete invitarmi alle vostre iniziative, andate nella sezione contatti e scrivetemi una e-mail!!
Non assegnatemi premi ne "onorificenze"!!!!
Per questo, aiutatemi collaborando per non farmi sembrare scortese.
Grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...